Al di la delle apparenze

Ci ho pensato non moltissimo ma il nome di questo blog, il mio blog, è già da un po che mi frullava per la testa. Saper guardare “al di la delle apparenze” è una capacità che pochi hanno e la si coltiva non avendo pregiudizi verso persone, cose e situazioni. E’ sinonimo di apertura mentale e di onesta intellettuale…

Caro Lettore, non vorrei che tu pensassi che in me racchiudo quanto appena descritto… non amo lodarmi (credo di essere un tipo mediocre), ma di certo il guardare “al di la delle apparenze” è la meta verso il quale oriento la mia crescita. Non resta che augurarti buona lettura, con la speranza che le tue idee possano servire da specchio per le mie e che, attraverso i tuoi commenti possa confrontarmi pacatamente su quello che la vita mette davanti ai nostri passi.

Fabio

Pubblicato in In libertà | Lascia un commento

CAMPO MINATO

Non credo di aver avuto e di avere una condotta irreprensibile ma, a volte, saper scegliere gli amici da avere al proprio fianco (o scegliere di non averne) risulta essere la carta vincente. Ci sono eventi nella vita che distruggono la nostra routine e quando ci sentiamo privati della sicurezza delle nostre abitudini generalmente abbiamo un sussulto di quella che crediamo liberta. Generalmente questo avviene principalmente per una relazione che finisce…
Questa ritrovata liberta spesso si trasforma in autodistruzione. Cercando di colmare il vuoto di un amico o di un compagno venuto meno ci si contorna di persone che nella migliore delle ipotesi ti usano come diversivo, come passatempo, come divertimento… un argomento per le loro conversazioni… qualcosa di cui (s)parlare; e nella peggiore delle ipotesi si finisce per essere usati!
Non credo nelle persone fragili, noi abbiamo tutto quello che serve per risollevarci, anche perchè toccato il fondo non si può andare più giu…
Anche l’ora più buia ha solo 60 minuti… è proprio in quest’ora che io vorrei accanto persone fidate e preferisco la solitudine a chi mi sta accanto da spettatore della mia autodistruzione o peggio ancora a chi c’è perchè potrebbe usarmi a suo piacimento.
E’ proprio in quest’ora che bisogna restare lucidi, freddi, razionali… quasi come ci si trovasse all’interno di un campo minato, concentrandosi al massimo su dove posare il piede perchè… il prossimo passo, se sbagliato, potrebbe rovinarti la vita lasciando cicatrici indelebili…

Pubblicato in In libertà | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

Questa è la mia vita!

Continuo a sentire persone parlare. Spesso di tutto, spesso di niente. Come un anno fa mi ritrovo seduto davanti al gate C 01 del Terminal 3 e come in ogni buon viaggio “in solitaria” bisogna un po’ lasciarsi andare all’introspezione. Cosi continuo a pensare a quanto mi son lasciato condizionare da ció che gli altri si aspettassero da me. Alzo gli occhi da  questo maledetto smart phone e incrocio lo sguardo di un bambino di circa 3 anni che felice e contento continua ad eludere la vigile sorveglianza della mamma e a correre avanti e indietro spingendo il suo passeggino. Bello essere bambini e avere la libertà di essere se stessi sempre, senza filtri, senza remore… senza paure.

Pubblicato in In libertà | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Tutto va come deve andare…

Già so come andrà a finire… questa sarà l’ennesima notte insonne, un po’ per il caldo, un po’ per questa irrequietezza che mi porto dietro dall’inizio di questa giornata senza lode e senza infamia.
E anche se la categoria di questo post è “prima di andare a dormire” stanotte mi lascia con diversi interrogativi, ma altrettante certezze… la certezza che stanotte non chiuderò occhio; la certezza del fatto che è più semplice scappare dai discorsi, dalle situazioni, piuttosto che affrontarle; è più facile restare attaccati a qualcosa che conosciamo piuttosto che lasciarsi andare all’ignoto e all’amore; è più facile nascondersi dietro a scuse piuttosto che mettersi in gioco… ma quello che continuo a domandarmi è: sono io che sono eccessivamente schizzato e mi butto senza remore dentro le situazioni o sono gli altri che si trattengono per paura di farsi male, di soffrire?
Non voglio vivere di rimorsi e rimpianti per questo ho imparato a vivere I miei sentimenti in pieno… senza paura! E se domani dovessi farmi male avrò almeno la certezza di non essermi risparmiato in niente e di aver dato il meglio di me stesso…

Pubblicato in Prima di andare a dormire | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni…

…e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita.

Così nel IV atto dell’opera “Tempesta” di Shakespeare recitava Prospero, il Duca di Milano spodestato.

In questi ultimi giorni non ho fatto altro che pensare a questa frase, resa nota anche grazie alla pubblicità di una nota casa automobilistica. Le mie vicende personali mi hanno catapultato da un periodo di cieca disperazione ad uno di stupore e meraviglia per il fantastico incontro fatto grazie ad un’amica che non vedevo da molto tempo. Non credevo di essere in grado di rialzarmi tanto presto, in maniera più che dignitosa e soprattutto non avrei mai creduto di riuscire ad abbattere facilmente il muro di compromessi e di poche certezze tirato su alla “bene e meglio” dopo la mia caduta.

Alla fine quell’incontro si è trasformato in un sogno ad occhi aperti e non ho potuta fare a meno che riflettere sul fatto che nonostante la nostra natura umana in realtà ciò di cui abbiamo per vivere è un sogno, una speranza degna di essere perseguita con tutte le nostre forze, verso il quale orientare la nostra crescita. Proprio in questo “tempo e spaziodi un sogno è racchiusa la nostra breve vita”…

Pubblicato in In libertà | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Secondo me la donna…

Girovagando un po su youtube, sentendo qualche monologo del Signor G, ho trovato questo bellissimo pezzo sulla donna… perchè, anche “secondo me all’inizio di tutto, c’è sempre una donna.

“Secondo me la donna, e l’uomo, sono destinati a diventare, uguali. In questa nostra epoca, la civiltà si è data un gran da fare, per attenuare certe differenze che erano causa di profonda ingiustizia. C’è stato un graduale avvicinamento, nel modo, di comportarsi, di sentire, di pensare. Insomma, di vivere. Fino alla tanto sospirata parità. Però, secondo me all’inizio di tutto, c’è sempre una donna.
Secondo me, la donna è donna da subito. Un uomo è uomo a volte prima, a volte dopo.A volte mai.
Secondo me una donna è coinvolta sessualmente, in tutte le vicende della vita. A volte persino nell’amore.
Secondo me, una donna  innamorata imbellisce. Un uomo… rincoglionisce.
Secondo me in un salotto, quando non c’è neanche una donna, è come recitare in un teatro vuoto. Se invece non c’é neanche un uomo, tra le donne si crea una complice atmosfera di pace. Appena arriva un uomo è la guerra.
Secondo me un uomo che dice di una donna, quella  lì la dà via, meriterebbe che a lui le donne non gliela dessero proprio mai.
Secondo me una donna che dice ad un uomo con cui sta facendo l’amore, come con te con nessuno, andrebbe comunque arrestata per falsa testimonianza.
Secondo me per una donna che non ha fortuna in amore, non si può usare il termine sfigata.
Secondo me gli uomini, si sono sempre occupati del potere sulle cose, le donne, del potere sulle persone. Ma questa è seria non c’entra niente.
Secondo me le donne, quando ci scelgono, non amano proprio noi, forse una proiezione un sogno, un’immagine che hanno dentro. Ma quando ci lasciano, siamo proprio noi quelli che non amano più
Secondo me, una donna che si offre a un uomo sessualmente ed è respinta, rimane sconcertata. Non ci può credere. Il suo primo pensiero è che lui sia omosessuale, ma  in genere questa versione non regge. E allora pensa: “E già, lui si difende…  ha paura di essere troppo coinvolto emotivamente … oppure si sente bloccato dall’eccessiva eccitazione”.  Il fatto che lei possa non piacere è un’ipotesi che non può assolutamente prendere in considerazione.

Donna: l’angelo ingannatore. L’ha detto Baudelaire.
Donna: il più bel fiore del giardino. L’ha detto Goethe.
Donna: femina maliarda. L’ha detto Shakespeare.
Donna: sei tutta la mia vita. L’ha detto un mio amico ginecologo.

Sì, secondo me la donna e l’uomo, sono destinati a rimanere assolutamente differenti. E contrariamente a molti io credo che sia necessario mantenerle se non addirittura esaltarle queste differenze. Perché proprio da questo scontro incontro, tra un uomo e una donna, che si muove l’universo intero.
All’universo non gliene importa niente dei popoli e delle nazioni, l’universo sa soltanto che senza due corpi differenti, e due pensieri differenti, non c’è futuro.”

Video | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

A volte quel che basta è un abbraccio…

E così girando un po’ per il paese dove vivo (ma che frequento sempre meno) può capitare di incontrare vecchi conoscenti. Con alcuni ti trovi a parlare del più e del meno cercando di capire come in un passato, non troppo remoto, avevi fatto ad uscire con loro, così distanti dal tuo modo di pensare e di vivere la vita. Con altri ti accorgi invece di come il tempo non sia mai passato… ti vengono incontro con il loro sorriso migliore e senza dire niente ti abbracciano così forte da non farti neanche respirare…

Più passa il tempo e più mi rendo conto che, come scriveva Pirandello, “Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti” e che a volte, quello di cui abbiamo veramente bisogno è solamente un abbraccio, un modo come un’altro di dire “Io ci sono”, un modo per metterci “cuore a cuore” con l’altro…

Per chiudere in bellezza, Paulo Coelho nel libro “la strada per Santiago” scrisse una frase che mi colpì molto e che recitava esattamente così “Ciascuno di noi conosce già tutto, prim’ancora che qualcuno gliene abbia parlato. In ogni momento la vita è maestra, e l’unico segreto è accettare il fatto che, semplicemente con il nostro quotidiano, possiamo essere saggi quanto Salomone e potenti quanto Alessandro Magno.

Pubblicato in In libertà | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La promessa

Perchè non avrei mai saputo trovare parole migliori di queste per esprimere il mio stato d’animo…

Il giorno in cui sei arrivata si è aperta una porta su un mondo che non conoscevo
hai portato con te una parte di me
che adesso è il mio vanto
mi hai trovato abbracciato a un ricordo
seduto e annoiato davanti a uno specchio
ho sentito di avere il permesso
di chiudere gli occhi e aprire le braccia
ora è possibile spingerci insieme
oltre i confini del tempo
come certe idee come le maree
come le promesse
è possibile andare lontano senza avere paura
come certe idee come le maree
come le promesse che si fanno

adesso siamo compagni di vita
di vita sognata e di sopravvivenza
la nostra casa è arredata con i tuoi colori
e con le mie parole
i nostri libri mescolati insieme intrecciano
e fondono le nostre storie
ma i segreti nascosti in ogni rapporto
quelli non si raccontano
il nostro amore si sporca le mani
ogni giorno nel fango
più di certe idee più delle maree
più delle certezze
il nostro amore è sospeso nel vuoto
ma con i piedi per terra
più di certe idee più delle maree
più delle certezze che si hanno

tu sei la luce e la pace
la comprensione della sofferenza
io sono la voce e la direzione
le spalle e la malinconia
così abbiamo unito anche il sangue
per coltivare il nostro giardino
e per quanto saremo capaci di farlo
noi lo custodiremo
se potessimo spingerci insieme oltre
i confini del tempo
come certe idee come le maree
come le promesse
se potessimo andare lontano
senza avere paura
come certe idee come le maree
questa è la promessa che ti faccio

Video | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento